Formazione online

corsi di formazione

formazione online

Nell’ambito lavorativo, sempre più dinamico e innovativo, è importante se non necessario formarsi per svolgere il proprio lavoro al meglio. L’aggiornamento tramite corsi online è la soluzione giusta per risparmiare tempo e gestire le pause in completa autonomia.

La modalità attraverso le quali sinet organizza corsi online è e-learning, che prevede l’utilizzo di un computer desktop, o di un laptop portatile, strumenti la cui fruizione è legata a determinati ambienti in cui sia presente, necessariamente, una connessione internet.
Questa modalità innovativa offre vantaggi come facilità di comunicazione tra studenti e insegnanti, diversità di risorse e materiali utilizzati, varietà nelle attività di apprendimento che si svolgono, apprendimento di competenze tecnologiche non direttamente connesse al corso e la possibilità di studiare ovunque e in qualsiasi momento.

Formazione specifica rischio basso

Titolo
Corso di Formazione dei lavoratori rischio basso – modulo specifico (4 ore)
Destinatari
Il corso intende ottemperare al requisito obbligatorio (Art. 37 T.U. 81/2008) per il quale tutti i lavoratori devono ricevere una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza. La formazione dei lavoratori è finalizzata a creare consapevolezza e cultura sui rischi e sulle misure di sicurezza da applicare per prevenire gli infortuni e preservare la salute e la sicurezza sui luogo di lavoro. L’art. 37 del D.lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro formi tutti i suoi dipendenti, nel rispetto dei contenuti e della durata previsti dall’accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori sanciti dalla Conferenza Stato Regioni in data 21/12/2011.
Requisiti di ammissione
Attestato di Frequenza al corso “Formazione dei lavoratori rischio basso – modulo specifico”.
Obiettivi e Finalità
Fornire ai partecipanti la formazione richiesta in funzione dei rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda. Il corso è rivolto ai lavoratori la cui impresa rientra nelle macro categorie di rischio basso così come individuate all’allegato 2° dell’ Accordo Stato Regioni del 21-12-2011 (ATECO 2007):
G) Commercio all’ingrosso e al dettaglio; Riparazione di autoveicoli e motocicli.

I) Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione.
1. Attività finanziare e assicurative.
2. Attività immobiliari.
3. Attività professionali, scientifiche e tecniche.

J) Servizi di informazione e comunicazione.
1. Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento.
2. Altre attività di servizi.
3. Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico. Produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie e convivenze.
4. Organizzazioni ed organismi extraterritoriali.

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.

Formazione generale e specifica rischio basso

Titolo
Formazione dei lavoratori rischio basso(8 ore)
Destinatari
Il corso intende ottemperare al requisito obbligatorio (Art. 37 T.U. 81/08) per il quale tutti i lavoratori devono ricevere una formazione sufficiente ed adeguata in materia di sicurezza. La formazione dei lavoratori è finalizzata a creare consapevolezza e cultura sui rischi e sulle misure di sicurezza da applicare per prevenire gli infortuni e preservare la salute e la sicurezza sui luogo di lavoro. L’art. 37 del D.Lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro formi tutti i suoi dipendenti, nel rispetto dei contenuti e della durata previsti dall’accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori sanciti dalla Conferenza Stato Regioni in data
21/12/2011.
Requisiti di ammissione
Nessun requisito.
Obiettivi e Finalità
Fornire ai partecipanti la formazione richiesta in funzione dei rischi riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda. Il corso è rivolto ai lavoratori la cui impresa rientra nelle macro categorie di rischio basso così come individuate all’allegato 2° dell’ Accordo Stato Regioni del 21-12-2011 (ATECO 2007):
G) Commercio all’ingrosso e al dettaglio. Riparazione di autoveicoli e motocicli. Commercio all’ingrosso e al dettaglio e riparazione di autoveicoli e motocicli. Commercio all’ingresso, escluso quello di autoveicoli e di motocicli. Commercio al dettaglio, escluso quello di autoveicoli e di motocicli.

I) Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione. Alloggio. Attività dei servizi di ristorazione
1. Attività finanziare e assicurative. Attività di servizi finanziari escluse le assicurazioni e i fondi pensione. Assicurazioni, riassicurazioni e fondi, escluse le assicurazioni sociali obbligatorie. Attività ausiliarie dei servizi finanziari e delle attività assicurative.
2. Attività immobiliare. Attività immobiliari.
3. Attività professionali, scientifiche e tecniche. Attività legali e contabilità. Attività di direzione aziendale e di consulenza gestionale. Attività degli studi di architettura e di ingegneria. Collaudi ed analisi tecniche. Ricerca scientifica e sviluppo. Pubblicità e ricerche di mercato. Altre attività professionali, scientifiche e tecniche. Servizi veterinari. Attività di noleggio e leasing operativo. Attività di ricerca, selezione e fornitura di personale. Attività di servizi delle agenzie di viaggio, tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse. Servizi di vigilanza ed investigazione. Attività di servizi per edifici e paesaggio. Attività di supporto per le funzioni d’ufficio ed altri servizi di supporto alle imprese.

J) Servizi di informazione e comunicazione. Attività editoriali. Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore. Attività di programmazione e trasmissione. Telecomunicazioni. Produzione di software, consulenza informatica e attività connesse. Attività dei servizi di informazione e altri servizi informatici.

R) Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento. Attività creative, artistiche edi intrattenimento. Biblioteche, archivi, musei ed altre attività culturali. Attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco. Attività sportive, di intrattenimento e di divertimento.
1. Altre attività di servizi. Organizzazioni associative. Riparazioni computer e di beni per uso personale e per la casa. Altre attività di servizi per la persona.
2. Attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico. Produzione di beni e servizi indifferenziati per uso proprio da parte di famiglie e convivenze.
3.Organizzazioni ed organismi extraterritoriali.

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso è strutturato in un modulo di “Formazione Generale” di 4 ore uguale per tutti i lavoratori erogabile in modalità e-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti e in un modulo di “Formazione Specifica” di 4 ore per i lavoratori delle imprese a basso rischio erogabile anch’esso in modalità e-learning secondo le nuove disposizioni previste dall’Accordo Stato Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Ore totali: 8
Modalità: E-LEARNING:
Formazione generale: E-learning: 4 ore Formazione specifica: E-learning: 4 ore
Programma del corso
Modulo generale (4 ore)

– Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori.
– Concetti di rischio.
– Il Sistema istituzionale della prevenzione.
– I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità.
– Danno, Prevenzione, Protezione.
– Organizzazione della prevenzione aziendale.
– Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali.
– Organi di vigilanza, controllo e assistenza.

Modulo specifico (4 ore)

– Rischi infortuni.
– Rischi meccanici generali.
– Rischi specifici (elettrici generali, Cadute dall’alto. Rischi da esplosione. Rischi chimici. Rischi cancerogeni. Rischi biologici. Rischi fisici. Rumore. Vibrazione. Radiazioni. Microclima ed illuminazione. Videoterminali. Stress da lavoro- correlato. Movimentazione manuale dei carichi. Movimentazione merci).
– Macchine e Attrezzature.
– Nebbie, oli fumi, vapori, polveri.
– Etichettatura.
– DPI ed organizzazione del lavoro.
– La sorveglianza sanitaria.
– Ambienti di lavoro.
– Segnaletica.
– Emergenze.
– Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico.
– Procedure di esodo ed incendi.
– Procedure organizzative di primo soccorso.
– Incidenti ed infortuni mancati. Altri rischi

Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “Formazione dei lavoratori rischio basso”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Formazione generale lavoratori

Titolo
Corso di Formazione dei lavoratori generale
Destinatari
Il corso si propone di fornire ai lavoratori i principi generali della legge in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro nel rispetto della normativa vigente (art.37 D.lgs n. 81 del 2008). La formazione dei lavoratori è finalizzata a creare consapevolezza e cultura sui rischi e sulle misure di sicurezza da applicare per prevenire gli infortuni. L’art. 37 del D.lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro formi tutti i suoi dipendenti, nel rispetto dei contenuti e della durata previsti dall’accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori sanciti dalla Conferenza Stato Regioni in data
21/12/2011 (Rep. Atti n. 221/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ).
Requisiti di ammissione
Nessun requisito.
Obiettivi e Finalità
Fornire ai partecipanti gli approfondimenti e aggiornamenti necessari per conoscere i principi del Sistema di Prevenzione e Protezione adottato presso le Aziende e attraverso quali strumenti e strategie il lavoratore è chiamato ad operare per preservare lo stato di sicurezza sul luogo di lavoro.
Il corso di formazione generale e informazione per i lavoratori è rivolto ai datori di lavoro che vogliono mantenere la propria azienda in regola con il decreto legislativo n.81/2008 e s.m.i.
Il decreto obbliga, infatti, il datore di lavoro, a formare ed informare i lavoratori della sua impresa, sui rischi specifici dell’attività svolta all’interno dell’azienda. Il corso per la formazione e l’informazione del lavoratore si occupa di fornire tutte le nozioni principali sugli aspetti della sicurezza, obblighi da rispettare e divieti per la prevenzione dei possibili rischi presenti durante l’attività lavorativa.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 4 ore, uguale per tutti i lavoratori, e può essere svolto in modalità e-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
Modulo generale (4 ore)

– Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori.
– Concetti di rischio.
– Il Sistema istituzionale della prevenzione.
– I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità.
– Danno, Prevenzione, Protezione.
– Organizzazione della prevenzione aziendale.
– Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali.
– Organi di vigilanza, controllo e assistenza.

Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di Frequenza di “Formazione dei lavoratori generale” di 4 ore.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Dirigenti

Titolo
Corso per “Dirigenti”
Destinatari
Dirigenti di attività pubbliche e private così come definiti all’art.2, comma 1, lett. d) del D.Lgs.81/08.
La formazione per dirigenti intende fornire un’adeguata e specifica competenza professionale in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro, articolo 37, comma 7 del d.lgs. n. 81/08, e in relazione agli obblighi previsti all’articolo 18 dello stesso decreto.
Requisiti di ammissione
Per l’accesso al corso non sono richiesti titoli o requisiti specifici. Tuttavia il dirigente deve essere un soggetto che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, sia capace di attuare le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa.
Obiettivi e Finalità
Il corso di formazione per dirigenti risponde ai criteri definiti nell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 e si propone di fornire ai partecipanti una formazione che copre gli ambiti giuridici e normativi in materia di salute e sicurezza sul lavoro, approfondendo la gestione e l’organizzazione in azienda della salute e sicurezza sul lavoro.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso è strutturato in una formazione di 16 ore che può essere svolta interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
Modulo 1: Giuridico Normativo

– Sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori;
– Organi di vigilanza e le procedure ispettive;
– Soggetti del sistema di prevenzione aziendale (Dlgs 81/08, compiti, obblighi, responsabilità e tutela assicurativa);
– Delega di funzioni;
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa;
– La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche (Dlgs 231/01);
– I sistemi di qualificazione delle imprese e la patente a punti in edilizia.

Modulo 2: Gestione e organizzazione della sicurezza

– Modelli di organizzazione e di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (art. 30 D.lgs. 81/08);
– Gestione della documentazione tecnica amministrativa;
– Obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
– Organizzazione della prevenzione incendi, primo soccorso e gestione delle emergenze;
– Modalità di organizzazione e di esercizio della funzione di vigilanza delle attività lavorative e in ordine all’adempimento degli obblighi previsti art. 18 comma 3 bis D.lgs. 81/08;
– Ruolo del RSPP/ASPP.

Modulo 3: Criteri e strumenti per la valutazione dei rischi

– Il rischio da stress lavoro correlato;
– Rischio ricollegabile alle differenze di genere, età, provenienza da altri paesi e dalla tipologia contrattuale;
– Il rischio da interferenze e lavori in appalto;
– Misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione in base ai fattori di rischio;
– Considerazione degli infortuni mancati e delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori e dei preposti;
– I DPI;
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4: Comunicazione, informazione, consultazione

– Competenze relazionali e consapevolezza del ruolo;
– Importanza strategica dell’informazione, della formazione e dell’addestramento quali strumenti di conoscenza della realtà aziendale;
– Tecniche di comunicazione;
– Lavoro di gruppo e gestione dei conflitti;
– Consultazione e partecipazione degli RLS;
– Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione degli RLS.

Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di Frequenza da “Dirigenti” di 16 ore.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Privacy rischio basso

Titolo
Corso “Privacy rischio basso”
Destinatari
Il Corso di formazione per la privacy rischio basso si rivolge a quanti, all’interno di enti e realtà aziendali, sono designati al trattamento dei dati, del sistema informativo e della sicurezza: Dipendenti di azienda che svolgono ruoli di Responsabile Privacy, Responsabile della protezione dei dati, Responsabile IT, Security Manager, Responsabile Area Legale, Rappresentante del trattamento dei dati, Amministratore di sistema.
Requisiti di ammissione
Conoscenza generale della terminologia italiana e anglosassone correntemente usata in ambito sicurezza informatica.
Obiettivi e Finalità
Il corso consente di fornire ai partecipanti conoscenze sui seguenti argomenti: la normativa della privacy, il garante, i dati personali, il trattamento, archivi e banche dati, il titolare del trattamento, le autorizzazioni, le comunicazioni, la diffusione delle informazioni e le misure di sicurezza.
Normativa di riferimento
– Regolamento Europeo Privacy
– Testo Unico Privacy (D.Lgs. 196/2003)
– Provvedimenti e Linee Guida del Garante Privacy
Durata e modalità
Il corso dura 4 ore modalità erogazione: e-Learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
Amministratori privacy: provvedimento del 27 novembre 2008, Amministratore di sistema.
LEZIONE 1: il nuovo codice, trattamento dei dati personali, diritti dell’interessato, consenso, dato sensibile, titolare, responsabile e incaricato del trattamento, informativa, autorizzazione e comunicazione, misure di sicurezza.
LEZIONE 2: misure semplificate, misure minime di sicurezza, strumenti elettronici, autenticazione informatica, credenziali di autenticazione, sistema di autorizzazione, i profili di autorizzazione.
Quiz game e test finale.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “Privacy rischio basso”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game.
Docenza
Docenti professionisti ed esperti nel tema in oggetto.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Privacy rischio medio

Titolo
Corso “Privacy rischio medio”
Destinatari
Il Corso di formazione per la privacy rischio basso si rivolge a quanti, all’interno di enti e realtà aziendali, sono designati al trattamento dei dati, del sistema informativo e della sicurezza: Dipendenti di azienda che svolgono ruoli di Responsabile Privacy, Responsabile della protezione dei dati, Responsabile IT, Security Manager, Responsabile Area Legale, Rappresentante del trattamento dei dati, Amministratore di sistema.
Requisiti di ammissione
Conoscenza generale della terminologia italiana e anglosassone correntemente usata in ambito sicurezza informatica.
Obiettivi e Finalità
Il corso consente di fornire ai partecipanti conoscenze sui seguenti argomenti: la normativa della privacy, il garante, i dati personali, il trattamento, archivi e banche dati, il titolare del trattamento, le autorizzazioni, le comunicazioni, la diffusione delle informazioni e le misure di sicurezza.
Normativa di riferimento
– Regolamento Europeo Privacy
– Testo Unico Privacy (D.Lgs. 196/2003)
– Provvedimenti e Linee Guida del Garante Privacy
Durata e modalità
Il corso dura 6 ore; modalità di erogazione: e-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
Amministratori privacy: provvedimento del 27 novembre 2008, Amministratore di sistema.
LEZIONE 1: il nuovo codice, trattamento dei dati personali, diritti dell’interessato, consenso, dato sensibile, titolare, responsabile e incaricato del trattamento, informativa, autorizzazione e comunicazione, misure di sicurezza.
LEZIONE 2: misure semplificate, misure minime di sicurezza, strumenti elettronici, autenticazione informatica, credenziali di autenticazione, sistema di autorizzazione, i profili di autorizzazione.
Quiz game e test finale.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “Privacy rischio medio”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game.
Docenza
Docenti professionisti ed esperti nel tema in oggetto.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Privacy rischio alto

Titolo
Corso “Privacy rischio alto”
Destinatari
Il Corso di formazione per la privacy rischio basso si rivolge a quanti, all’interno di enti e realtà aziendali, sono designati al trattamento dei dati, del sistema informativo e della sicurezza: Dipendenti di azienda che svolgono ruoli di Responsabile Privacy, Responsabile della protezione dei dati, Responsabile IT, Security Manager, Responsabile Area Legale, Rappresentante del trattamento dei dati, Amministratore di sistema.
Requisiti di ammissione
Conoscenza generale della terminologia italiana e anglosassone correntemente usata in ambito sicurezza informatica.
Obiettivi e Finalità
Il corso consente di fornire ai partecipanti conoscenze sui seguenti argomenti: la normativa della privacy, il garante, i dati personali, il trattamento, archivi e banche dati, il titolare del trattamento, le autorizzazioni, le comunicazioni, la diffusione delle informazioni e le misure di sicurezza.
Normativa di riferimento
– Regolamento Europeo Privacy
– Testo Unico Privacy (D.Lgs. 196/2003)
– Provvedimenti e Linee Guida del Garante Privacy
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore modalità erogazione: e-Learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
PRIVACY:

– Glossario della Privacy
– Le FAQ della privacy
– D. Lgs 193 Allegato B
– Privacy D. Lgs 196 del 2003
– Amministratori della Privacy
– Codice in materia di protezione dei dati personali
– La trasparenza dei siti web della PA
– Linee guida in materia di attività promozionale
– Normativa 675

Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “Privacy rischio alto”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla.
Docenza
Docenti professionisti ed esperti nel tema in oggetto.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Aggiornamento preposto

Titolo
Corso di aggiornamento per “Preposto”
Destinatari
Il corso è rivolto alla figura del preposto che ha già svolto il corso di formazione per Preposto e ha la necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale della formazione. Il preposto nell’ambito dell’organizzazione aziendale ha il compito di sovrintendere all’ attività lavorativa e di garantire l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa (capisquadra, capireparto, capiturno, capocantiere, capisala, capiufficio, capiarea).
Requisiti di ammissione
Per l’accesso al corso di aggiornamento è richiesto il possesso di attestato di frequenza al corso di formazione per “Preposto”.
Obiettivi e Finalità
I preposti, ai sensi dell’articolo 37 del D.lgs. 9 aprile 2008 n. 81, devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione di aggiornamento come definito con l’Accordo del 21 dicembre 2011 dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome: è prevista una periodicità quinquennale e una durata minima di 6 ore, per tutti i livelli di rischio aziendale.
In conformità a quanto previsto dall’Accordo, gli argomenti trattati dal corso riguardano le significative evoluzioni delle azioni di prevenzione e protezione nella salvaguardia e tutela della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.
Particolare attenzione è rivolta alle applicazioni pratiche e agli approfondimenti esemplificativi relativi agli aspetti giuridico-normativi, all’organizzazione e alla gestione della sicurezza in azienda dopo il D.lgs. 81/2008, alle nuove modalità di gestione della formazione dei lavoratori, agli aggiornamenti su fonti di rischio e misure di prevenzione.
Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso dura 6 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.
Programma del corso
– Aggiornamento dei principi giuridici e normativi in materia di gestione della sicurezza sul lavoro
– La formazione e l’Accordo Stato-Regioni
– Il sistema di prevenzione aziendale: ruoli, obblighi e organizzazione
– La nuova organizzazione della sicurezza dopo il D.Lgs. 81/2008: misure di prevenzione e protezione per affrontare i rischi, relativi al livello indicato, nei luoghi di lavoro.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di aggiornamento professionale di “Preposto” di 6 ore.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti professionisti ed esperti nel tema in oggetto.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento dirigenti

Titolo
Corso di aggiornamento per “Dirigenti”
Destinatari
Dirigenti di attività pubbliche e private che hanno già svolto il corso di formazione per dirigenti e hanno la necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale della formazione.
Il corso per dirigenti intende fornire un’adeguata e specifica competenza professionale in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro, articolo 37, comma 7 del d.lgs. n. 81/08, e in relazione agli obblighi previsti all’articolo 18 dello stesso decreto.
Requisiti di ammissione
Per l’accesso al corso di aggiornamento è richiesto il possesso di attestato di frequenza al corso di formazione per “Dirigenti”.
Obiettivi e Finalità
Il corso di aggiornamento risponde alle suddette richieste normative e si propone di aggiornare i Dirigenti sulle conoscenze in materia di sicurezza e salute nei luogo di lavoro attraverso un formazione capace di coprire gli ambiti giuridici e normativi, approfondendo la gestione e l’organizzazione della sicurezza in azienda o presso la struttura di competenza.
Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 6 ore e può essere svolto interamente in modalità E- learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Approfondimenti giuridico normativi;
– Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori;
– Aggiornamento su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda;
– Fonti di rischio e relative misure di prevenzione.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di aggiornamento professionale di “Dirigente” di 6 ore.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP modulo B (1 annualità)

Titolo
Aggiornamento ASPP modulo B (1 annualità)
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce 1/5 del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008.
Il corso di aggiornamento si riferisce alla prima annualità e riguarda gli aspetti giuridico- normativi della sicurezza sul lavoro.
In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Il sistema Legislativo
– Conversazione 81
– La filosofia del d.lgs. n. 81
– Tutela della salute e sicurezza
– Figure della Sicurezza
– Il ruolo dei lavoratori
– Organismi paritetici
– Benessere Organizzativo
– Accordo Stato Regioni 7 Luglio 2016
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento RSPP modulo B – 1a annualità”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP modulo B (2 annualità)

Titolo
Aggiornamento ASPP modulo B (2 annualità)
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce 1/5 del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008. Il corso di aggiornamento si riferisce alla seconda annualità e riguarda gli aspetti giuridico- normativi della sicurezza sul lavoro.
In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Sistema sicurezza aziendale
– Sistema sicurezza aziendale 2
– Sistema Istituzionale Sicurezza
– Consultazione e partecipazione RLS
– I sistemi di certificazione
– LA ISO 9001 2015
– SGSL
– Responsabilità 231
– Accordo stato regioni 2016
– Ritorno da un futuro sicuro
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento RSPP modulo B – 2a annualità”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP modulo B (3 annualità)

Titolo
Aggiornamento ASPP modulo B (3 annualità)
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce 1/5 del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008. Il corso di aggiornamento si riferisce alla terza annualità e riguarda gli aspetti giuridico- normativi della sicurezza sul lavoro.
In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Danno Rischio Pericolo
– Agenti Biologici
– Agenti Cancerogeni
– Agenti chimici
– Quiz Game Chimico
– MMC
– REGOLAMENTO UE DPI 2016/425
– Antincendio
– Attività svolte presso terzi
– Sollevare e trasportare correttamente i carichi
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento RSPP modulo B – 3a annualità”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP modulo B (4 annualità)

Titolo
Aggiornamento ASPP modulo B (4 annualità)
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce 1/5 del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008. Il corso di aggiornamento si riferisce alla quarta annualità e riguarda gli aspetti giuridico- normativi della sicurezza sul lavoro.
In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– FAQ Vibrazioni Meccaniche
– FAQ Campi Elettromagneticii
– Stress Lavoratori
– Il rischio ricollegabile alle differenze di genere
– DPI
– Sorvegianza Sanitaria
– Segnaletica
– La valutazione dei rischi
– PS
– Cosa fare PS
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento RSPP modulo B – 4a annualità”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP modulo B (5 annualità)

Titolo
Aggiornamento ASPP modulo B (5 annualità)
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce 1/5 del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008. Il corso di aggiornamento si riferisce alla quinta annualità e riguarda gli aspetti giuridico- normativi della sicurezza sul lavoro.
In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Informazione e Addestramento
– FLeadership e la partecipazione dei lavoratori
– Consultazione aziendale
– Tecniche di comunicazione
– La comunicazione e-learning
– Formazione e piani di formazione
– Lavoriamo Insieme
– Sicurezza e organizzazione
– Banca Dati
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento RSPP modulo B – 4a annualità”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento ASPP

Titolo
Corso di “Aggiornamento ASPP modulo B”
Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato agli addetti del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP/ASPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.
Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato del corso per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.
Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce quota intera del credito formativo per addetti al servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6 del Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008. In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 20 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Aspetti giuridico-normativi e tecnico-organizzativi
– Sistemi di gestione e processi organizzativi;
– Fonti di rischio specifiche dell’attività lavorativa o del settore produttivo dove viene esercitato il ruolo compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, quelli collegati allo stress lavoro-correlato, quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro;
– Tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza “aggiornamento ASPP – 20 ore”.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento Coordinatore della Sicurezza

Titolo
Corso di aggiornamento per “Coordinatore della sicurezza”
Destinatari
Il corso è indirizzato a professionisti che hanno già acquisito l’attestato per svolgere l’attività di Coordinatore della sicurezza (120 ore) e che devono adeguare il loro profilo professionale (cfr. All. XIV D.lgs. 81/08 obbligatorietà dell’aggiornamento quinquennale).
Requisiti di ammissione
Attestato di Coordinatore della sicurezza di 120 ore.
Obiettivi e Finalità
Il corso ha la finalità di fornire formazione utile nel campo della salute e sicurezza sul lavoro per quanto riguarda i cantieri temporanei o mobili (Titolo IV – D.lgs. 81/2008) nel cui ambito il coordinatore della sicurezza ricopre una posizione principale, di direzione e coordinamento, tra le diverse figure interessate: committenti, progettisti, liberi professionisti, imprese appaltanti, subappaltatori, ditte individuali, enti di vigilanza etc.
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso dura 40 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– Il Decreto 81/08 e smi; i soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali.
– Metodologie per l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi (dal Titolo I del nuovo D.lgs. 81/08: cenni sull’elaborazione del DVR, DUVRI.
– Piano delle Emergenze e Registro antincendio.
– La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. (Il Titolo IV del nuovo D.lgs. 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro).
– Obblighi documentali da parte dei committenti, coordinatori per la sicurezza e imprese.
– I Rapporti dei Coordinatori con la Committenza, i Progettisti, la Direzione lavori, i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.
– I contenuti del Piano di sicurezza e di coordinamento, del Piano sostitutivo di sicurezza e del Piano Operativo di sicurezza.
– L’Organizzazione della sicurezza in Cantiere.
– L’elaborazione del PSC.
– L’elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza.
– L’elaborazione del Fascicolo.
– L’Elaborazione del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi).
– Nuovi Decreti e Circolari attuativi al D.lgs. 81/08.
Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di frequenza per “Aggiornamento Coordinatore della Sicurezza” di 40 ore.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili-PLE con stabilizzatori

Titolo
Addetto alle Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili – PLE con stabilizzatori
Destinatari
Operatori addetti alle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) – (PLE con stabilizzatori)
Requisiti di ammissione
Nessun requisito minimo.
Obiettivi e Finalità
Il corso assolve agli obblighi indicati nell’articolo 73, comma 5, del D.Lgs.81/08 e nell’ultimo accordo Stato Regioni in materia di formazione per l’utilizzo di attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, in particolare per le piattaforme di lavoro mobili elevabili, definite come macchine mobili destinate a spostare persone alle posizioni di lavoro, poste ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile, nelle quali svolgono mansioni dalla piattaforma di lavoro, con l’intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro attraverso una posizione di accesso definita e che sia costituita almeno da una piattaforma di lavoro con comandi, da un struttura estendibile e da un telaio. Nello specifico il corso prepara per l’utilizzo delle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) con stabilizzatori .
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016
– Accordo Stato – Regioni del 22/02/2012
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore
Programma del corso
– Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro conparticolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota;
– responsabilità dell’operatore. Modulo 2 – tecnico
– categorie di PLE: i vari tipi di PLE e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
– componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile;
– Dispositivi di comando e di sicurezza: individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
– Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali.
– DPI specifici da utilizzare con le PLE: caschi, imbracature, cordino di trattenuta e relative modalità di utilizzo inclusi i punti di aggancio in piattaforma.
– Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi
– Procedure operative di salvataggio: modalità di discesa in emergenza. Modulo 3 – pratico
– Individuazione del componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, di caduta dall’alto, ecc.); spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, rifornimento e parcheggio in modo sicuro a fine lavoro.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili-PLE senza stabilizzatori

Titolo
Addetto alle Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili – PLE senza stabilizzatori
Destinatari
Operatori addetti alle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) – (PLE senza stabilizzatori)
Requisiti di ammissione
Nessun requisito minimo.
Obiettivi e Finalità
Il corso assolve agli obblighi indicati nell’articolo 73, comma 5, del D.Lgs.81/08 e nell’ultimo accordo Stato Regioni in materia di formazione per l’utilizzo di attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, in particolare per le piattaforme di lavoro mobili elevabili, definite come macchine mobili destinate a spostare persone alle posizioni di lavoro, poste ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile, nelle quali svolgono mansioni dalla piattaforma di lavoro, con l’intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro attraverso una posizione di accesso definita e che sia costituita almeno da una piattaforma di lavoro con comandi, da un struttura estendibile e da un telaio. Nello specifico il corso prepara per l’utilizzo delle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) senza stabilizzatori .
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016
– Accordo Stato – Regioni del 22/02/2012
Durata e modalità
Il corso dura 8 ore
Programma del corso
– Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro perlavori in quota;
– responsabilità dell’operatore. Modulo 2 – tecnico
– categorie di PLE: i vari tipi di PLE e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
– componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile;
– Dispositivi di comando e di sicurezza: individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
– Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali.
– DPI specifici da utilizzare con le PLE: caschi, imbracature, cordino di trattenuta e relative modalità di utilizzo inclusi i punti di aggancio in piattaforma.
– Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi
– Procedure operative di salvataggio: modalità di discesa in emergenza. Modulo 3 – pratico
– Individuazione del componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, di caduta dall’alto, ecc.); spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, rifornimento e parcheggio in modo sicuro a fine lavoro.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili-PLE con e senza stabilizzatori

Titolo
Addetto alle Piattaforme di Lavoro Mobili Elevabili – PLE con e senza stabilizzatori
Destinatari
Operatori addetti alle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) – (PLE con e senza stabilizzatori) Operatori addetti alle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) – (PLE con e senza stabilizzatori)
Requisiti di ammissione
Nessun requisito minimo.
Obiettivi e Finalità
Il corso assolve agli obblighi indicati nell’articolo 73, comma 5, del D.Lgs. 81/08 e nell’ultimo accordo Stato Regioni in materia di formazione per l’utilizzo di attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, in particolare per le piattaforme di lavoro mobili elevabili, definite come macchine mobili destinate a spostare persone alle posizioni di lavoro, poste ad altezza superiore a 2 m rispetto ad un piano stabile, nelle quali svolgono mansioni dalla piattaforma di lavoro, con l’intendimento che le persone accedano ed escano dalla piattaforma di lavoro attraverso una posizione di accesso definita e che sia costituita almeno da una piattaforma di lavoro con comandi, da un struttura estendibile e da un telaio. Nello specifico il corso prepara per l’utilizzo delle Piattaforme di Lavoro mobili Elevabili (PLE) con e senza stabilizzatori .
Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016
– Accordo Stato – Regioni del 22/02/2012
Durata e modalità
Il corso dura 10 ore
Programma del corso
– Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per lavori in quota;
– responsabilità dell’operatore. Modulo 2 – tecnico
– categorie di PLE: i vari tipi di PLE e descrizione delle caratteristiche generali e specifiche.
– componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio elevabile;
– Dispositivi di comando e di sicurezza: individuazione dei dispositivi di comando e loro funzionamento, individuazione dei dispositivi di sicurezza e loro funzione.
– Controlli da effettuare prima dell’utilizzo: controlli visivi e funzionali.
– DPI specifici da utilizzare con le PLE: caschi, imbracature, cordino di trattenuta e relative modalità di utilizzo inclusi i punti di aggancio in piattaforma.
– Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi
– Procedure operative di salvataggio: modalità di discesa in emergenza. Modulo 3 – pratico
– Individuazione del componenti strutturali: sistemi di stabilizzazione, livellamento, telaio, torretta girevole, struttura a pantografo/braccio più ricorrenti nell’utilizzo delle PLE (rischi di elettrocuzione, rischi ambientali, di caduta dall’alto, ecc.); spostamento e traslazione, posizionamento e stabilizzazione, azionamenti e manovre, rifornimento e parcheggio in modo sicuro a fine lavoro.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Gru per Autocarri

Titolo
Corso per “Addetto alla conduzione di Gru per Autocarro”

Destinatari
Operatori Addetto alla conduzione di Gru per Autocarro

Requisiti di ammissione
Nessun requisito minimo

Obiettivi e Finalità
Il corso assolve agli obblighi indicati nell’articolo 73, comma 4, del D.Lgs.
81/08 e nell’ultimo accordo Stato Regioni in materia di formazione per l’utilizzo di attrezzature di
lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, in particolare per la
conduzione delle gru per autocarro, definite come gru a motore comprendente una colonna, che ruota
intorno ad una base ed un gruppo di bracci che è applicato alla sommità della colonna. La gru è montata
di regola su un veicolo (eventualmente su un rimorchio, su una trattrice o su una base fissa) ed è
progettata per caricare e scaricare il veicolo. Nello specifico il corso prepara per la conduzione di
gru per autocarro. /div>

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
– Accordo Stato – Regioni del 22/02/2012;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.

Durata e modalità
12 Ore (4 ore modulo teorico, 8 ore modulo pratico) erogabili in FAD o AULA
(modulo teorico) + Aula e area attività (modulo pratico)

Programma del corso

Modulo 1 – giuridico normativo
– Cenni di normativa generale in materia di igiene e sicurezza del lavoro con particolare
riferimento ai lavori in quota ed all’uso di attrezzature di lavoro per le operazioni di
movimentazione dei carichi;
– Responsabilità dell’operatore.
– Terminologia, caratteristiche delle diverse tipologie di gru per autocarro con riferimento alla
posizione di installazione, loro movimenti e equipaggiamenti di sollevamento, modifica delle
configurazioni in funzione degli accessori installati.
– Nozioni elementari di fisica per poter valutare la massa di un carico e per poter apprezzare le
condizioni di equilibrio di un corpo, oltre alla valutazione dei necessari attributi che consentono
il mantenimento dell’insieme gru con carico appeso in condizioni di stabilità.
Modulo 2 – tecnico

– Condizioni di stabilità di una gru per autocarro: fattori ed elementi che influenzano la
stabilità.
– Caratteristiche principali e principali componenti delle gru per autocarro.
– Tipi di allestimento e organi di presa.
– Dispositivi di comando a distanza.
– Contenuti delle documentazioni e delle targhe segnaletiche in dotazione delle gru per autocarro.
– Utilizzo delle tabelle di carico fornite dal costruttore.
– Principi di funzionamento, di verifica e di regolazione dei dispositivi limitatori, indicatori, di
controllo.
– Principi generali per il trasferimento, il posizionamento e la stabilizzazione.
– Modalità di utilizzo in sicurezza e rischi: analisi e valutazione dei rischi più ricorrenti
nell’utilizzo delle gru per autocarro (caduta del carico, perdita di stabilità della gru per
autocarro, urto di persone con il carico o con la gru, rischi connessi con l’ambiente, quali vento,
ostacoli, linee elettriche, ecc., rischi connessi alla non corretta stabilizzazione).
– Segnaletica gestuale
– Individuazione dei componenti strutturali: base, telalo e controtelaio, sistemi di
stabilizzazione, colonna, gruppo bracci.
– Dispositivi di comando e di sicurezza: identificazione dei dispositivi di comando (comandi
idraulici e elettroidraulici, radiocomandi) e loro funzionamento (spostamento, posizionamento ed
operatività), identificazione del dispositivi di sicurezza e loro funzione.
– Controlli pre-utilizzo: controlli visivi e funzionali della gru per autocarro e dei componenti
accessori, dei dispositivi di comando, di segnalazione e di sicurezza, previsti dal costruttore nel
manuale di istruzioni dell’attrezzatura. Manovre della gru per autocarro senza carico (sollevamento,
estensione, rotazione, ecc.) singole e combinate.
– Controlli prima del trasferimento su strada: verifica delle condizioni di assetto (struttura di
sollevamento e stabilizzatori).
– Pianificazione delle operazioni del sollevamento: condizioni del sito di lavoro (pendenze,
condizioni del piano di appoggio), valutazione della massa del carico, determinazione del raggio,
configurazione della gru per autocarro, sistemi di imbracatura, ecc.
– Posizionamento della gru per autocarro sul luogo di lavoro: posizionamento della gru rispetto al
baricentro del carico, delimitazione dell’area di lavoro, segnaletica da predisporre su strade
pubbliche, messa in opera di stabilizzatori, livellamento della gru. Procedure per la messa in opera
di accessori, bozzelli, stabilizzatori, jib, ecc.,
Modulo 3 – pratico
– Effettuazione di esercitazioni di presa/aggancio del carico per il controllo della rotazione,
dell’oscillazione, degli urti e del posizionamento del carico. Operazioni in prossimità di ostacoli
fissi o altre gru (interferenza). Movimentazione dicarichi di uso comune e carichi di forma
particolare quali: carichi lunghi e flessibili, carichi piani con superficie molto ampia, carichi di
grandi dimensioni. Manovre di precisione per il sollevamento, il rilascio ed il posizionamento dei
carichi in posizioni visibili e non visibili.
– Utilizzo di accessori di sollevamento diversi dal gancio
(polipo, benna, ecc.). Movimentazione di carichi con accessori di sollevamento speciali. Imbracature
di carichi.
– Manovre di emergenza: effettuazione delle manovre di emergenza per il recupero del carico.
– Prove di comunicazione con segnali gestuali e via radio.
– Operazioni pratiche per provare il corretto funzionamento dei dispositivi limitatori, indicatori e
di posizione.
– Esercitazioni sull’uso sicuro, gestione di situazioni di emergenza e compilazione del registro di
controllo.
– Messa a riposo della gru per autocarro: procedure per il rimessaggio di accessori, bozzelli,
stabilizzatori, jib, ecc.

Attestato Formativo Rilasciato
Attestato di abilitazione per l’utilizzo delle Gru per Autocarro

Valutazione
Al termine del due moduli teorici (al di fuori del tempi previsti per i moduli
teorici) si svolgerà una prova intermedia di verifica consistente in un questionario a risposta
multipla concernente anche quesiti sui DPI. Il superamento della prova, che si intende superata con
almeno il 70% delle risposte esatte, consentirà il passaggio ai moduli pratici specifici. Il mancato
superamento della prova comporta la ripetizione dei due moduli.
Al termine di ognuno dei moduli pratici (al di fuori dei tempi previsti per i moduli pratici) avrà
luogo una prova pratica di verifica finale. Il mancato superamento della prova di verifica finale
comporta l’obbligo di ripetere il modulo pratico.

Docenza
Personale con esperienza documentata sia nel settore della formazione sia nel
settore della prevenzione, sicurezza e salute nei luoghi di lavoro e da personale con esperienza
professionale pratica.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite
all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il
corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul
territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a
35 unità.

Progettista di impianti Fotovoltaici

Titolo
Progettista di Impianti Fotovoltaici
Obiettivi e Finalità
Scopo del corso è quello di provvedere ad una formazione completa su tutti gli aspetti tecnici ed impiantistici riguardanti la tecnologia e la realizzazione di impianti fotovoltaici. Il corso fornisce le competenze tecnico-progettuali e normative fondamentali per una corretta realizzazione degli impianti secondo le tecnologie più aggiornate.
Durata e modalità
Il corso si svolgerà in FAD per una durata totale di 40 ore.
Programma del corso
Modulo 1
– Generalità Unità di misura
– Irraggiamento Solare Principio di funzionamento La cella Fotovoltaica
– Dal Modulo al Campo
Modulo 2
– Moduli Fotovoltaici Tipi di Moduli
– La comunicazione e-learning
– Prove meccaniche e smaltimento Caratteristiche elettriche
– Moduli Innovativi
– Quale Modulo Scegliere
Modulo 3
– Conversione della Potenza Funzioni del Sistema di Conversioni Tipo di Conversione
– Scelta del sistema di Conversione
Modulo 4
– Strutture di Sostegno
Modulo 5
– Parametri economici di un investimento RID e SPP
– Le detrazioni fiscali Certificati Bianchi TEE Business Plan
Modulo 6
– TICA
– Norme tecniche
Modulo 7
– Redazione del progetto secondo normativa Cavi Elettrici
– Protezione, manovra e sezionamento Messa a terra
– Protezione contro i fulmini
Modulo 8
– Stima della radiazione solare Producibilità e dimensionamento Verifiche tecnico funzionali Pulizia pannelli
Modulo 9
– Titolo Autorizzativo GSE
– Terna – Gaudi
Modulo 10
– Esempio ABB
Attestato Formativo Rilasciato
Verrà rilasciata un’attestazione in forma cartacea e digitale.
Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante test finale con risposte multiple ed esercitazioni pratiche, finalizzato a verificare le competenze cognitive e tecnico-professionali. Sono previste esercitazioni intermedie durante il percorso formativo.
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Sede
Corso fruibile in FAD

Auditor 22000

Titolo
Internal Auditor ISO 22000:2005 – Gestione Della Sicurezza Alimentare
Destinatari
-Professionisti che hanno la necessità di condurre audit sui Sistemi di Gestione per la Sicurezza Alimentare (FSMS, Food Safety Management System) rispetto ai requisiti dello standard ISO 22000:2005;
Responsabili di Sistemi di Gestione Sicurezza Alimentare o personale attivamente coinvolto in mansioni all’interno dei Sistemi stessi;
Coloro che si occupano della gestione e del coordinamento di un Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare,
Consulenti di Sistemi di Gestione della Sicurezza Alimentare;
Auditor Interni in altre discipline che desiderano migliorare il proprio profilo professionale al fine di acquisire maggiori professionalità e competenze nell’ambito del settore alimentare.
Requisiti di ammissione
È importante possedere una buona conoscenza della norma ISO22000:2005 e in materia di HACCP.
Obiettivi e Finalità
Il corso si propone di fornire gli elementi necessari al fine di consentire al professionista di:
– Analizzare i requisiti della norma in modo puntuale e concreto;
– Preparare, pianificare ed eseguire in modo efficace ed efficiente audit interni secondo la Norma ISO 22000 e le prescrizioni della Norma ISO 19011;
– Predisporre e sviluppare check-list di audit;
– Definire ruoli e responsabilità del Valutatore Interno di un Sistema di Gestione della Sicurezza Alimentare;
– Verificare se le prassi aziendali seguite sono conformi ai requisiti della Norma ISO 22000.
Normativa di riferimento
– UNI EN ISO 19011:2012; UNI EN ISO 22000:2005.
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 24 ore, erogabili in modalità FAD. Sono previsti test di verifica dell’apprendimento delle nozioni acquisite.
Programma del corso
L’audit come strumento di verifica per l’operatore del settore alimentare e per il controllo ufficiale;
La struttura della norma ISO 22000:2005;
Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento finale (esame finale).
Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.
Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza del corso “Internal Auditor ISO 22000:2005” rilasciato dall’AISF.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Corso Transizione ISO 9001

Titolo
Transizione alla ISO 9001:2015

Requisiti di ammissione
Nessuno.

Obiettivi e Finalità
– Acquisire le conoscenze e competenze necessarie per pianificare e condurre audit di prima e seconda parte sui sistemi di gestione per la qualità, in conformità alla norma ISO 9001:2015.
– Identificare eventuali non conformità o criticità del sistema e proporre adeguate azioni correttive.
– Impostare e aggiornare la documentazione di un SGQ ISO 9001:2008.

Durata e modalità
Il corso ha una durata di 8 ore in FAD

Programma del corso
– Comprendere l’evoluzione dello standard ISO 9001.
– La nuova struttura, la Annex SL.
– I cambiamenti della “ISO 9001:2015”: Contesto dell’organizzazione, Le informazioni documentate, Il rischio nella ISO 9001:2015;
– Gli audit nella ISO 9001:2015.
– Cenni sulle nuove ISO 14001 e ISO 45001
– Esercitazioni.

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante test finale con risposte multiple

Docenza
Dott. Ficetola Vincenzo – progettista, consulente, auditor sistemi di gestione qualità – ambiente – sicurezza

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Sede
FAD

Privacy Officer e Consulente della Privacy

Titolo
Privacy Officer
Requisiti di ammissione
Nessun requisito minimo.
Obiettivi e Finalità
Il Privacy Officer & Consulente della Privacy, è una figura specializzata nel campo della data protection, è un professionista che:
– Possiede competenze specifiche sulla protezione dei dati personali e approfondite conoscenze della normativa che la regolamentano;
– Fornisce tutto il supporto e la consulenza necessaria all’azienda, per progettare, verificare e mantenere un Sistema Organizzativo di Gestione dei dati personali o Sistema Privacy, comprendente l’adozione di un insieme di idonee misure organizzative e di sicurezza, finalizzate alla tutela e alla salvaguardia del patrimonio di dati e informazioni personali gestite dall’azienda, assicurando per esse un elevato grado di sicurezza e riservatezza.
Durata e modalità
Il corso sarà erogato in Formazione a Distanza (FAD) per la durata di 48 ore
Programma del corso
MODULO 1 – Nozioni fondamentali sulla figura del Privacy Officer & Consulente della Privacy;
– Il Privacy Officer & Consulente della Privacy : nozioni fondamentali
– Panoramica generale sul D.lgs. 196/2003
– Tipologie di dati e trattamento
– I diritti dell’interessato
– Informativa e consenso
– Le figure chiave della privacy previste dalla normativa: formalità e attribuzione dei compiti
– Analisi dei rischi
– Misure minime di sicurezza e misure idonee
– Quando è obbligatorio fare la notificazione al Garante Privacy
– Allegato B: modalità tecniche da adottare in caso di trattamento dei dati con strumenti elettronici
– Modalità di tutela dei dati per i documenti cartacei
– Il DPS: l’utilità della documentazione degli adempimenti sulla sicurezza, nonostante l’abrogazione
– Il Codice della Privacy e gli interventi formativi al personale
– Il Garante della Privacy: attività e compiti
– Le sanzioni amministrative
– Gli illeciti penali
MODULO 2 – Le attività del Privacy Officer & Consulente della Privacy nei vari contesti aziendali;
– Il Privacy Officer & Consulente della Privacy nei vari contesti aziendali
– Il controllo del lavoro ex L. 300/70 e i controlli meramente difensivi
– La videosorveglianza
– L’Amministratore di Sistema
– I controlli tecnologici sul lavoro (postazione di lavoro, e-mail, internet)
– Biometria collegata al lavoro e ai luoghi di lavoro e per ragioni di sicurezza
– Le attività di business to business e la privacy
– Le associazioni e la privacy: semplificazioni e complicazioni
– Cronaca e privacy: dal bollettino aziendale alle notizie di stampa
– Dati personali in ambito sanitario: altre misure idonee
– Il marketing senza strumenti automatizzati e il telemarketing
– Il marketing con strumenti automatizzati (email, sms, fax)
– Profilazioni e pubblicità comportamentale
– Obbligo di notificazione al Garante di trattamenti particolari: in quali casi e come si effettua
– Conservazione dei dati di traffico per fatturazione o repressione dei reati
– Privacy, finalità difensive e recupero crediti
– Privacy e informazioni commerciali e sull’affidabilità economica
– Il cloud computing come servizio tecnologico esternalizzato: profili privacy
– I trasferimenti di dati all’estero: BCR e clausole UE
MODULO 3 – Le attività del Privacy Officer e Consulente della Privacy integrate con i Sistemi Qualità, Sicurezza informatica e Modello Organizzativo 231;
– Relazioni con altri Sistemi Organizzativi Aziendali
– Relazioni tra Sistema Qualità Aziendale e Sistema di Gestione Privacy
– Relazioni tra Sistema Sicurezza Informatica e Sistema di Gestione Privacy
– Adeguamento del Modello Organizzativo 231 in tema di Privacy:
– Pianificazione delle attività
– Identificazione dei referenti aziendali
– Raccolta dei dati
– Formalizzazione delle azioni di adeguamento
– Supporto nella messa in atto delle azioni di miglioramento
– Preparazione dei documenti
– La verifica dei documenti
– La formazione interna al personale
– Il monitoraggio e lo stato di avanzamento delle attività
– La valutazione del servizio e gestione degli aspetti relazionali
– Le azioni in caso di anomalie: rilievo, gestione, correzioni
– Integrazione degli adempimenti della Privacy con il Sistema Qualità e Sicurezza Informatica
– Aspetti documentali (procedure, manuale, etc.)
– Aspetti applicativi
– Tecniche di Audit e verifica adeguamento Privacy
– Pianificazione e programmazione dell’Audit
– Analisi della documentazione aziendale
– Check-list di Audit
– Valutazione dei risultati
– Stesura del rapporto
– Azioni successive all’audit
Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante test finale con risposte multiple, finalizzato a verificare le competenze cognitive e tecnico-professionali. Sono previste esercitazioni intermedie durante
il percorso formativo.
Docenza
N.1 Docente
Dott. Vittorio Trinetta – Esperto in materia di privacy e sistemi di gestione.
Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico.
Sede
FAD

Aggiornamento Preposti rischio basso

Titolo
Aggiornamento-Preposti-rischio-basso
Requisiti di ammissione
Preposti che hanno già ricevuto la formazione in quanto tali.
Obiettivi e Finalità
In conformità a quanto previsto dall’Accordo, gli argomenti trattati dal corso riguardano le significative evoluzioni delle azioni di prevenzione e protezione nella salvaguardia e tutela della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Particolare attenzione è rivolta alle applicazioni pratiche e agli approfondimenti esemplificativi relativi agli aspetti giuridico-normativi, all’organizzazione e alla gestione della sicurezza in azienda dopo il D.Lgs. 81/2008, alle nuove modalità di gestione della formazione dei lavoratori, agli aggiornamenti su fonti di rischio e misure di prevenzione.
Durata e modalità
Il corso sarà erogato in Formazione a Distanza (FAD) per la durata di 6 ore
Programma del corso
-Aggiornamento dei principi giuridici e normativi in materia di gestione della sicurezza sul lavoro
– La formazione e l’Accordo Stato-Regioni
– Il sistema di prevenzione aziendale: ruoli, obblighi e organizzazione La nuova organizzazione della sicurezza dopo il D.Lgs. 81/2008: misure di prevenzione e protezione per affrontare i principali rischi nei luoghi di lavoro.
Sede
FAD

Aggiornamento Preposti rischio medio

Titolo
Aggiornamento-Preposti-rischio-medio
Destinatari
Responsabili di funzione, servizio, area o settore, dirigenti tecnici o amministrativi, capisquadra, capireparto, capiturno, capicantieri, capisala, capiufficio, capiarea e, più in generale, tutti coloro che ricoprono il ruolo di preposti.
Requisiti di ammissione
Preposti che hanno già ricevuto la formazione in quanto tali.
Obiettivi e Finalità
In conformità a quanto previsto dall’Accordo, gli argomenti trattati dal corso riguardano le significative evoluzioni delle azioni di prevenzione e protezione nella salvaguardia e tutela della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Particolare attenzione è rivolta alle applicazioni pratiche e agli approfondimenti esemplificativi relativi agli aspetti giuridico-normativi, all’organizzazione e alla gestione della sicurezza in azienda dopo il D.Lgs. 81/2008, alle nuove modalità di gestione della formazione dei lavoratori, agli aggiornamenti su fonti di rischio e misure di prevenzione.
Durata e modalità
Il corso sarà erogato in Formazione a Distanza (FAD) per la durata di 6 ore
Programma del corso
– Aggiornamento dei principi giuridici e normativi in materia di gestione della sicurezza sul lavoro
– La formazione e l’Accordo Stato-Regioni
– Il sistema di prevenzione aziendale: ruoli, obblighi e organizzazione
– La nuova organizzazione della sicurezza dopo il D.Lgs. 81/2008: misure di prevenzione e protezione per affrontare i principali rischi nei luoghi di lavoro.
Sede
FAD

Aggiornamento Preposti rischio alto

Titolo
Aggiornamento-Preposti-rischio-alto
Destinatari
Responsabili di funzione, servizio, area o settore, dirigenti tecnici o amministrativi, capisquadra, capireparto, capiturno, capicantieri, capisala, capiufficio, capiarea e, più in generale, tutti coloro che ricoprono il ruolo di preposti. I preposti, ai sensi dell’articolo 37 del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione di aggiornamento come definito con l’Accordo del 21 dicembre 2011 dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome.
Requisiti di ammissione
Preposti che hanno già ricevuto la formazione in quanto tali.
Obiettivi e Finalità
In conformità a quanto previsto dall’Accordo, gli argomenti trattati dal corso riguardano le significative evoluzioni delle azioni di prevenzione e protezione nella salvaguardia e tutela della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Particolare attenzione è rivolta alle applicazioni pratiche e agli approfondimenti esemplificativi relativi agli aspetti giuridico- normativi, all’organizzazione e alla gestione della sicurezza in azienda dopo il D.Lgs. 81/2008, alle nuove modalità di gestione della formazione dei lavoratori, agli aggiornamenti su fonti di rischio e misure di prevenzione.
Durata e modalità
Il corso sarà erogato in Formazione a Distanza (FAD) per la durata di 6 ore
Programma del corso
– Aggiornamento dei principi giuridici e normativi in materia di gestione della sicurezza sul lavoro
– La formazione e l’Accordo Stato-Regioni
– Il sistema di prevenzione aziendale: ruoli, obblighi e organizzazione
– La nuova organizzazione della sicurezza dopo il D.Lgs. 81/2008: misure di prevenzione e protezione per affrontare i principali rischi nei luoghi di lavoro.
Sede
FAD

Aggiornamento HACCP - Rischio Medio

Titolo
ALIMENTARISTA – Livello 2 (8 ore)
Destinatari
Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono acquisire conoscenze in merito alle attività che comportano manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita. Ovvero:
– personale addetto alla sola somministrazione nelle mense;
– camerieri (personale di sala presso attività di ristorazione);
– personale addetto alla vendita dei prodotti ortofrutticoli ed al trasporto degli alimenti sfusi che necessitano di controllo della temperatura (ex art. 44, D.P.R. n. 327/80).
Requisiti di ammissione
Diploma di scuola media inferiore.
Obiettivi e Finalità
Il corso si propone di realizzare una efficace formazione oltre che adeguato addestramento del personale addetto alla manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita, per garantire una reale prevenzione delle tossinfezioni alimentari.
Normative di Riferimento
Legge 283/62;
D.P.R. 327/80; Reg. 178/2002; Reg. n.852-853-854-882/2004; Pacchetto Igiene.
Durata e modalità
Il corso sarà erogato in Formazione a Distanza (FAD) per la durata di 8 ore
Programma del corso
Il corso tratterà i seguenti argomenti:
– accenni alle specifiche norme di settore;
– igiene personale;
– igiene delle strutture e delle attrezzature;
– buone prassi di lavorazione relativamente alle specifiche mansioni.

MODULO 1. Obiettivi e Normativa:
– obiettivi e destinatari del corso;
– accenni sulle principali norme in materia di alimenti.

MODULO 2. Igiene Individuale e dei Luoghi di lavoro:
1. comportamenti del personale:
– igiene della persona;
– procedure specifiche.
2. igiene del processo:
– diagrammi di flusso;
– ricevimento e stoccaggio;
– preparazione e cottura;
– conservazione a freddo e a caldo;
– riscaldamento e raffreddamento.
3. igiene ambientale:
– monitoraggio e lotta agli infestanti;
– smaltimento rifiuti;
– sanificazione.

MODULO 3. Igiene delle strutture e delle attrezzature:
1. procedure di autocontrollo:
– analisi specifica delle problematiche delle varie aziende alimentari;
– analisi delle strutture edilizie e delle attrezzature.

MODULO 4. Buone prassi di lavorazione:
1. procedura di verifica delle specifiche mansioni.

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento (esame finale).
Attestato Rilasciato
Attestato di Qualifica Professionale rilasciato da ente accreditato Regione Sicilia CSM e riconosciuto a livello nazionale attraverso la L. 189/2012 “Definizione dei criteri uniformi per la formazione del personale adibito alla produzione, alla somministrazione e alla commercializzazione degli alimenti”.
Docenti
Non richiesto in quanto erogabile interamente in FAD.
Materiale Didattico
L’esecuzione del corso è supportata da materiale didattico gratuito.
Sede
FAD

Aggiornamento RSPP - Datore di lavoro rischio basso

Titolo
Corso di “Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio basso”
Destinatari
Il corso rappresenta l’aggiornamento della formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1- 2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio basso così come individuato all’allegato II dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21- 12-2011.
Requisiti di ammissione
Per accedere al corso di aggiornamento bisogna dimostrare di aver frequentato il corso di prima formazione per RSPP – Datore di lavoro rischio basso di 16 ore.
Obiettivi e Finalità
L’aggiornamento che ha periodicità quinquennale ha durata modulata in relazione al livello di rischio (macrocategorie ATECO 2002-2007) di appartenenza dell’azienda. Il corso mira a fornire approfondimenti su aspetti innovativi rispetto agli argomenti trattati nel percorso formativo di base di 16 ore.
Normative di Riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni del 21/12/2011;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 6 ore e può essere svolto interamente in modalità E- learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– approfondimenti tecnico-organizzativi e giuridico-normativi;
– sistemi di gestione e processi organizzativi;
– fonti di rischio, compresi i rischi di tipo ergonomico;
– tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “ Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio basso” 6 ore
Docenti
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale Didattico
L’esecuzione del corso è supportata da materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso ha una durata di 6 ore ed è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento RSPP - Datore di lavoro rischio medio

Titolo
Corso di “Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio medio”
Destinatari
Il corso rappresenta l’aggiornamento della formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1- 2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio basso così come individuato all’allegato II dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21- 12-2011.
Requisiti di ammissione
Per accedere al corso di aggiornamento bisogna dimostrare di aver frequentato il corso di prima formazione per RSPP – Datore di lavoro rischio medio di 32 ore.
Obiettivi e Finalità
L’aggiornamento che ha periodicità quinquennale ha durata modulata in relazione al livello di rischio (macrocategorie ATECO 2002-2007) di appartenenza dell’azienda. Il corso mira a fornire approfondimenti su aspetti innovativi rispetto agli argomenti trattati nel percorso formativo di base di 32 ore.
Normative di Riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni del 21/12/2011;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 10 ore e può essere svolto interamente in modalità E- learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– approfondimenti tecnico-organizzativi e giuridico-normativi;
– sistemi di gestione e processi organizzativi;
– fonti di rischio, compresi i rischi di tipo ergonomico;
– tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio medio ” 10 ore.
Docenti
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale Didattico
L’esecuzione del corso è supportata da materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento RSPP - Datore di lavoro rischio alto

Titolo
Corso di “Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio alto”
Destinatari
Il corso rappresenta l’aggiornamento della formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1- 2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio basso così come individuato all’allegato II dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21- 12-2011.
Requisiti di ammissione
Per accedere al corso di aggiornamento bisogna dimostrare di aver frequentato il corso di prima formazione per RSPP – Datore di lavoro rischio alto di 48 ore.
Obiettivi e Finalità
L’aggiornamento che ha periodicità quinquennale ha durata modulata in relazione al livello di rischio (macrocategorie ATECO 2002-2007) di appartenenza dell’azienda. Il corso mira a fornire approfondimenti su aspetti innovativi rispetto agli argomenti trattati nel percorso formativo di base di 48 ore.
Normative di Riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni del 21/12/2011;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 14 ore e può essere svolto interamente in modalità E- learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016.
Programma del corso
– approfondimenti tecnico-organizzativi e giuridico-normativi;
– sistemi di gestione e processi organizzativi;
– fonti di rischio, compresi i rischi di tipo ergonomico;
– tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.
Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.
Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “Aggiornamento RSPP/Datore di lavoro rischio alto ” 14 ore.
Docenti
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.
Materiale Didattico
L’esecuzione del corso è supportata da materiale didattico gratuito.
Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Aggiornamento per Coordinatore della Sicurezza

Titolo
Corso di aggiornamento per “Coordinatore della sicurezza”

Destinatari
Il corso è indirizzato a professionisti che hanno già acquisito l’attestato per svolgere l’attività di Coordinatore della sicurezza (120 ore) e che devono adeguare il loro profilo professionale (cfr. All. XIV D.lgs. 81/08 obbligatorietà dell’aggiornamento quinquennale).

Requisiti di ammissione
Attestato di Coordinatore della sicurezza di 120 ore.

Obiettivi e Finalità
Il corso ha la finalità di fornire formazione utile nel campo della salute e sicurezza sul lavoro per quanto riguarda i cantieri temporanei o mobili (Titolo IV – D.lgs. 81/2008) nel cui ambito il coordinatore della sicurezza ricopre una posizione principale, di direzione e coordinamento, tra le diverse figure interessate: committenti, progettisti, liberi professionisti, imprese appaltanti, subappaltatori, ditte individuali, enti di vigilanza etc.

Normativa di riferimento
– D. Lgs. n.81/2008 e smi;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 40 ore e può essere svolto interamente in modalità E- learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016

Programma del corso
– Il Decreto 81/08 e smi; i soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali.
– Metodologie per l’individuazione, l’analisi e la valutazione dei rischi (dal Titolo I del nuovo D.lgs. 81/08: cenni sull’elaborazione del DVR, DUVRI.
– Piano delle Emergenze e Registro antincendio.
– La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota. (Il Titolo IV del nuovo D.lgs. 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro).
– Obblighi documentali da parte dei committenti, coordinatori per la sicurezza e imprese.
– I Rapporti dei Coordinatori con la Committenza, i Progettisti, la Direzione lavori, i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.
– I contenuti del Piano di sicurezza e di coordinamento, del Piano sostitutivo di sicurezza e del Piano Operativo di sicurezza.
– L’Organizzazione della sicurezza in Cantiere.
– L’elaborazione del PSC.
– L’elaborazione del Piano Operativo di Sicurezza.
– L’elaborazione del Fascicolo.
– L’Elaborazione del PiMUS (Piano di Montaggio, Uso e Smontaggio dei ponteggi).
– Nuovi Decreti e Circolari attuativi al D.lgs. 81/08.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis, del D.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza per “Aggiornamento Coordinatore della Sicurezza” di 40 ore.

Auditor Interno ISO 14001

Titolo
Auditor Interno ISO 14001

Destinatari
– Dedicato a organizzazioni già certificate o in via di certificazione che desiderino affrontare in autonomia gli audit interni e Società di consulenza che desiderino offrire ai propri clienti tale servizio.
– Professionisti che intendano accedere alla carriera di auditor/lead auditor.
– Organizzazioni complesse che intendano qualificare sia i propri auditor interni che gli specialisti per la valutazione dei fornitori.

Requisiti di ammissione
Conoscenza della norma UNI EN ISO 14001:2004

Obiettivi e Finalità
– Acquisire le conoscenze e competenze necessarie per pianificare e condurre audit di prima e seconda parte sui sistemi di gestione per la qualità, in conformità alla norma ISO 14001
– identificare eventuali non conformità o criticità del sistema e proporre adeguate azioni correttive
– individuare e proporre opportunità di miglioramento

Normativa di riferimento
– UNI EN ISO 19011:2012;
– UNI EN ISO 14001:2004;
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 24 ore, suddivise in cinque moduli come specificato alla voce “programma del corso” erogabili in FAD o in aula. Sono previsti test di verifica dell’apprendimento delle nozioni acquisite.

Programma del corso
– MODULO 1
– Problematiche ambientali e sviluppo sostenibile
– Innovazioni gestionali: normative volontarie, UNI EN ISO 14001 e regolamento (CE) 761/01 (EMAS).
– Schema di certificazione EMAS e procedura di certificazione UNI EN ISO 14001. Aspetti ambientali e legislativi
– La Gestione Ambientale
– Audit interni e riesame della direzione Regolamento Europeo 761/2001 (CE) “EMAS”
– La Dichiarazione Ambientale

– MODULO 2

– Tecniche e modalità operative di analisi ambientale Indicatori ambientali e di performance
– Valutazione della prestazione ambientale
– Norme in materia ambientale (Testo Unico Ambientale) Verifica legislativa ambientale

– MODULO 3

– Le nuove definizioni Classificazione dei rifiuti
– La responsabilità nella gestione dei rifiuti Albo nazionale gestori Ambientali
– La tracciabilità dei rifiuti Le sanzioni

– MODULO 4

– Competenze, conoscenze e capacità richieste ad un auditor
– Introduzione agli audit Preparazione dell’ audit Effettuare la verifica Condurre una verifica
– Non conformità e azioni correttive

– MODULO 5

– Domande teoriche
– Controllo di un manuale ambientale Rapporto di audit
– Casi studio

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento finale (esame finale).

Docenza
Lead Auditor qualificati

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza di “Internal Auditor ISO 14001”

Sede
FAD

Coordinatore della Sicurezza

Titolo
Corso di formazione per “Coordinatore della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione” (120 ore)

Destinatari
Il corso è rivolto a coloro che devono ricoprire l’incarico di coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la progettazione e l’esecuzione dell’opera (Titolo IV D.lgs. 81/2008). L’attestato di frequenza rilasciato al termine del corso costituisce requisito professionale obbligatorio così come previsto dall’art. 98 del D.lgs. 81/2008.

Requisiti di ammissione
Possesso di titolo di studio così come previsto all’art. 98 del D.lgs. 81/2008.

Obiettivi e Finalità
Il corso ha la finalità di fornire la formazione utile nel campo della salute e sicurezza sul lavoro per quanto riguarda i cantieri temporanei o mobili (Titolo IV – D.lgs. 81/2008) nel cui ambito il coordinatore della sicurezza ricopre una posizione principale, di direzione e collegamento, tra le diverse figure interessate: committenti, progettisti, liberi professionisti, imprese appaltanti, subappaltatori, ditte individuali, enti di vigilanza, ecc.

Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e smi;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
La durata del corso è di 120 ore di cui solo 28 ore, relative al modulo giuridico, sono erogabili in modalità e-learning. La parte restante del corso deve essere svolta in aula e con esercitazioni pratiche relative a esempi di redazione di PSC, POS e altra documentazione la cui redazione rientra tra gli obblighi del Coordinatore della Sicurezza.

Programma del corso
Modulo Giuridico 28 ore:

– Le figure coinvolte nel processo dei cantieri temporanei e mobili – dalle opere semplici alle opere complesse;
– Norme e regole di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro e loro evoluzione –Normativa europee e relativa valenza;
– Figure interessate alla realizzazione dell’opera: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali. I coordinamenti nel cantiere;
– La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi;
– AI soggetti del Sistema di prevenzione Aziendale: il datore di lavoro, il dirigente, il RSPP, il preposto, il RLS;
– La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri
– temporanei o mobili e nei lavori in quota;
– ll Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con
– particolare riferimento al Titolo I;
– ll titolo IV del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.
– La norma e correlazione con il titolo I.

Modulo Pratico 14 ore:

– Esempio PSC per il rifacimento della facciata di un fabbricato. Problematiche e metodologie;
– Esempio PSC per un cantiere di recupero. Problematiche e metodologie;
– Esempi di Piani Operativi di Sicurezza e di Piani Sostitutivi di Sicurezza;
– Esempio PSC per il rifacimento della facciata di un fabbricato. Problematiche e metodologie
– Esempio PSC per la costruzione di un fabbricato per civili abitazioni. Problematiche e metodologie;
– Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione;
– Esempio PSC per la costruzione di un fabbricato per civili abitazioni. Problematiche e metodologie.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge secondo le seguenti modalità:
– Simulazione al fine di valutare le competenze tecnico-professionali;
– Test finalizzati a verificare le competenze cognitive.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis, del D.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza per “Coordinatore della Sicurezza” di 120 ore.

Sede
Per la parte in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità. (punto 12.8 ASR 07/07/2016).

Corso di aggiornamento per RSPP modulo B

Titolo
Corso di “Aggiornamento RSPP modulo B”

Destinatari
Il corso di aggiornamento è destinato ai responsabili del servizio di prevenzione e protezione che hanno già effettuato il corso di formazione per RSPP Modulo B e hanno necessità di effettuare l’aggiornamento quinquennale.

Requisiti di ammissione
L’ammissione al corso è subordinata al possesso dell’attestato per RSPP/ASPP modulo B comune a tutti i settori produttivi.

Obiettivi e Finalità
Il corso costituisce quota intera del credito formativo per responsabili del servizio di prevenzione e protezione ai fini dell’aggiornamento quinquennale obbligatorio come previsto dall’accordo Stato-Regioni del 7 luglio 2016 di cui all’articolo 32, comma 6, del Decreto Legislativo n.81 del 9 aprile 2008. In relazione ai compiti di RSPP il corso riguarderà evoluzioni, innovazioni, applicazioni pratiche e approfondimenti collegate al contesto produttivo e ai rischi specifici del settore.

Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e smi;
– Accordo Stato – Regioni del 07/07/2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata pari a 40 ore e può essere svolto interamente in modalità E-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 Luglio 2016.

Programma del corso
– aspetti giuridico-normativi e tecnico-organizzativi;
– sistemi di gestione e processi organizzativi;
– fonti di rischio specifiche dell’attività lavorativa o del settore produttivo dove viene esercitato il ruolo compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, quelli collegati allo stress lavoro-correlato, quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, nonché quelli connessi alle differenze di genere, all’età, alla provenienza da altri Paesi e quelli connessi alla specifica tipologia contrattuale attraverso cui viene resa la prestazione di lavoro;
– tecniche di comunicazione, volte all’informazione e formazione dei lavoratori in tema di promozione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis, del D.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza per “Coordinatore della Sicurezza” di 120 ore.

Sede
Per la parte in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità. (punto 12.8 ASR 07/07/2016).

ESPERTO 231/01

Titolo
Esperto D.Lgs. n. 231/2001

Obiettivi e Finalità
Formare i destinatari del corso riguardo la progettazione, implementazione e audit di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo idoneo ed efficace, anche con l’ausilio di casi pratici, nonché nell’individuazione e valutazione dei rischi relativi alla commissione dei reati con conseguente redazione di un efficace sistema di controllo interno atto a rendere accettabile il livello di rischio. Mostrare dal punto di vista teorico e pratico le tecniche di audit e le modalità di vigilanza che devono essere attuate sul Modello per garantirne l’efficacia.

Programma del corso
MODULO 1 – Evoluzione Normativa e Ambito di Applicazione (durata 8 ore)
1. Evoluzione Normativa 231/01:
– Disciplina Normativa Ante D.Lgs. n. 231/2001;
– Disciplina Normativa Post D.Lgs. n. 231/2001.
2. Elementi descriventi della Normativa:
– Interesse vantaggio;
– Rapporto funzionale;
– Attuazione reato presupposto.
3. Soggetti apicali (Commissione reato).
4. Soggetti sottoposti (Commissione reato).
5. Ambito di applicazione normativa:
– Imprese individuali (Focus);
– Imprese collettive (Focus);
– Casi di esclusione.
6. Ambito di Applicazione:
– Principio di Legalità;
– Successione Leggi nel tempo;
– Reati commessi all’estero;
– Reati commessi da Organizzazioni straniere sul territorio Italiano;
– La realtà dei gruppi.
7. Obbligatorietà del Modello.
8. Test di verifica intermedio.
MODULO 2 – Vigilanza e Sanzioni (durata 8 ore)
1. Sanzioni:
– Sanzione pecuniaria;
– Sanzione interdittiva;
– Pubblicazione;
– Confisca;
– Esimente.
2. Prescrizione.
3. Cosa non è un modello organizzativo.
4. Realizzare un sistema di gestione in stile “ISO”:
– ISO 31000 (risk management);
– Integrabilità con ISO 9001, ISO 14001/EMAS, OHSAS 18001, SA 8000, etc.
5. Sistema disciplinare:
– Costruzione;
– Applicazione.
6. Codice Etico:
– Cos’è;
– Principi;
– Attuazione principi;
– Aggiornamento.
7. OdV (Organo di Vigilanza):
– Composizione;
– Attività e poteri;
– Spunti metodologici;
– Flussi informativi;
– Profili penali / civili;
– Tutela componenti OdV;
– Collegio sindacale vs OdV;
– Funzionamento attività OdV.
8. Test di verifica intermedio.
MODULO 3 – Audit e Fasi di realizzazione del Modello (durata 8 ore)
1. Audit:
– Caratteristiche professionali;
– Audit e OdV.
2. Fasi di realizzazione del modello.
3. Parte generale.
4. Parte speciale.
5. Formazione personale.
6. Reati presupposti:
– Autoriciclaggio;
– Reati ambientali;
– Reati contro la P.A.;
– Salute e sicurezza del lavoro;
– Reati informatici;
– Omicidio colposo;
– Lesioni personali colpose.
7. Esercitazione.

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante test finale con risposte multiple ed esercitazioni pratiche, finalizzato a verificare le competenze cognitive e tecnico-professionali. Sono previste esercitazioni intermedie durante il percorso formativo.

Docenza
dott. Nicola di Iorio – Avvocato ed esperto in sistemi di gestione.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Verrà rilasciata un’attestazione in forma cartacea e digitale.

Sede
Corso fruibile in FAD.

Formazione generale lavoratori

Titolo
Corso di Formazione dei lavoratori generale

Destinatari
Il corso si propone di fornire ai lavoratori i principi generali della legge in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro nel rispetto della normativa vigente (art.37 D.lgs n. 81 del 2008). La formazione dei lavoratori è finalizzata a creare consapevolezza e cultura sui rischi e sulle misure di sicurezza da applicare per prevenire gli infortuni. L’art. 37 del D.lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro formi tutti i suoi dipendenti, nel rispetto dei contenuti e della durata previsti dall’accordo tra il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano per la formazione dei lavoratori sanciti dalla Conferenza Stato Regioni in data
21/12/2011 (Rep. Atti n. 221/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ).

Requisiti di ammissione
Nessun requisito.

Obiettivi e Finalità
Fornire ai partecipanti gli approfondimenti e aggiornamenti necessari per conoscere i principi del Sistema di Prevenzione e Protezione adottato presso le Aziende e attraverso quali strumenti e strategie il lavoratore è chiamato ad operare per preservare lo stato di sicurezza sul luogo di lavoro.
Il corso di formazione generale e informazione per i lavoratori è rivolto ai datori di lavoro che vogliono mantenere la propria azienda in regola con il decreto legislativo n.81/2008 e s.m.i. Il decreto obbliga, infatti, il datore di lavoro, a formare ed informare i lavoratori della sua impresa, sui rischi specifici dell’attività svolta all’interno dell’azienda. Il corso per la formazione e l’informazione del lavoratore si occupa di fornire tutte le nozioni principali sugli aspetti della sicurezza, obblighi da rispettare e divieti per la prevenzione dei possibili rischi presenti durante l’attività lavorativa.

Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016.
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 4 ore, uguale per tutti i lavoratori, e può essere svolto in modalità e-learning con specifiche caratteristiche di qualità e certificazione delle sessioni di collegamento dei partecipanti.

Programma del corso
– Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori.
– Concetti di rischio.
– Il Sistema istituzionale della prevenzione.
– I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità.
– Danno, Prevenzione, Protezione.
– Organizzazione della prevenzione aziendale.
– Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali.
– Organi di vigilanza, controllo e assistenza.

Valutazione
La verifica dell’apprendimento si svolge sulla base di test a risposta multipla e quiz game somministrabili anche in itinere.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n.81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di Frequenza di “Formazione dei lavoratori generale” di 4 ore.

Sede
Il corso è erogabile interamente in e-learning secondo le modalità definite all’allegato II dell’Accordo Stato – Regioni del 7 luglio 2016. In caso di svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

HACCP - Rischio alto

Titolo
ALIMENTARISTA – Categoria A (12 ore)

Destinatari
Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono acquisire conoscenze in merito alle attività che comportano manipolazione di alimenti deteriorabili, nelle fasi di produzione, preparazione, cottura e confezionamento. Ovvero:
– responsabili dell’industria alimentare e/o della qualità all’interno di un’azienda, nonché personale con responsabilità di sorveglianza, gestione di settore del processo;
– pasticceri e produttori di gelato artigianale, ovvero stabilimenti di prodotti d’uovo, gastronomici e dolciari;
– addetti all’industria conserviera;
– personale operante all’interno delle cucine per mense, ristoranti, pizzerie e similari, caseifici;
– addetti alle rosticcerie, gastronomie, personale addetto alle lavorazioni della pasta fresca, pastifici;
– addetti ai bar, tavola calda e lavorazioni prodotti da forno;
– addetti in stabilimenti di lavorazione carni e pesce;
– addetti manipolazione prodotti dietetici, per la prima infanzia e destinati ad una alimentazione particolare;
– allievi di scuola alberghiera addetti a lavorazioni non contemplate nell’elenco di cui sopra, che presentano, comunque, un rischio microbiologico significativo;
– addetti alla vendita presso esercizi commerciali (supermercati, salumerie, macellerie, pescherie, ecc.).

Requisiti di ammissione
Diploma di scuola media inferiore.

Obiettivi e Finalità
Il corso si propone di realizzare una efficace formazione oltre che adeguato addestramento del personale addetto alla manipolazione degli alimenti, finalizzati alla corretta attuazione di tutte le misure di buona prassi igienica, per garantire una reale prevenzione delle tossinfezioni alimentari. Così come previsto dalla normativa vigente il corso offre i contenuti tali da garantire all’alimentarista la conoscenza più approfondita in sostituzione del libretto di idoneità sanitaria, ad oggi abrogato.

Normativa di riferimento
– Legge 283/62;
– D.P.R. 327/80; Reg. 178/2002;
– Reg. n.852-853-854-882/2004;
– Pacchetto Igiene.
Durata e modalità
Il corso si svolgerà in FAD per una durata totale di 12 ore.

Programma del corso
Il corso tratterà i seguenti argomenti:
– approccio globale ed integrato;
– responsabilità primaria agli operatori del settore alimentare;
– messa in atto della rintracciabilità;
– analisi del rischio alla base di ogni decisione;
– principio di precauzione;
– approccio orizzontale per tutti gli alimenti;
– considerazione di rischi particolari legati a specifici alimenti;
– eliminazione di molti dettagli tecnici;
– separazione dei testi relativi all’igiene, ai controlli ufficiali e agli aspetti di Sanità animale.

MODULO 1. Obiettivi e Normativa:

1. obiettivi e destinatari del corso;
2. accenni sulle principali norme in materia di alimenti.

MODULO 2. Tracciabilità e Valutazione dei Rischi:

1. tracciabilità e rintraccibilità degli alimenti;
2. analisi del rischio:
– il rischio alimentare;
– le proprietà dei microrganismi;
– meccanismi di contaminazione biologica degli alimenti;
– microrganismi patogeni.

MODULO 3. Igiene Individuale e dei Luoghi di lavoro:

1. comportamenti del personale:
– igiene della persona;
– procedure specifiche.
2. igiene del processo:
– diagrammi di flusso;
– ricevimento e stoccaggio;
– preparazione e cottura;
– conservazione a freddo e a caldo;
– riscaldamento e raffreddamento.
3. igiene ambientale:
– monitoraggio e lotta agli infestanti;
– smaltimento rifiuti;
– sanificazione.

MODULO 4. Autocontrollo:

1. procedure di autocontrollo:
– nomina del responsabile;
– analisi dei rischi;
– individuazione dei punti critici di controllo;
– analisi specifica delle problematiche delle varie aziende alimentari;
– analisi delle strutture edilizie e delle attrezzature.

MODULO 5. Sistema di gestione:

1. procedure di gestione del sistema:
– procedura di verifica delle non conformità;
– procedura di verifica delle emergenze;
– procedura di revisione del sistema stesso.

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento (esame finale).

Docenza
Non richiesto in quanto erogabile interamente in FAD.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di Qualifica Professionale rilasciato da ente accreditato Regione Sicilia CSM e riconosciuto a livello nazionale attraverso il Mutuo Riconoscimento.

Sede
FAD

HACCP - Rischio Medio

Titolo
ALIMENTARISTA – Livello 2 (8 ore)

Destinatari
Il corso è rivolto a tutti coloro che intendono acquisire conoscenze in merito alle attività che comportano manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita. Ovvero:
– personale addetto alla sola somministrazione nelle mense;
– camerieri (personale di sala presso attività di ristorazione);
– personale addetto alla vendita dei prodotti ortofrutticoli ed al trasporto degli alimenti sfusi che necessitano di controllo della temperatura (ex art. 44, D.P.R. n. 327/80).

Requisiti di ammissione
Diploma di scuola media inferiore.

Obiettivi e Finalità
Il corso si propone di realizzare una efficace formazione oltre che adeguato addestramento del personale addetto alla manipolazione di alimenti confezionati o sfusi non deteriorabili o alla relativa sola somministrazione e vendita, per garantire una reale prevenzione delle tossinfezioni alimentari.

Normativa di riferimento
– Legge 283/62;
– D.P.R. 327/80;
– Reg. 178/2002;
– Reg. n.852-853-854-882/2004;
– Pacchetto Igiene.
Durata e modalità
Il corso si svolgerà in FAD per una durata totale di 8 ore.

Programma del corso
Il corso tratterà i seguenti argomenti:
– accenni alle specifiche norme di settore;
– igiene personale;
– igiene delle strutture e delle attrezzature;
– buone prassi di lavorazione relativamente alle specifiche mansioni.

MODULO 1. Obiettivi e Normativa:
1. obiettivi e destinatari del corso;
2. accenni sulle principali norme in materia di alimenti.

MODULO 2. Igiene Individuale e dei Luoghi di lavoro:
1. comportamenti del personale:
– igiene della persona;
– procedure specifiche.
2. igiene del processo:
– diagrammi di flusso;
– ricevimento e stoccaggio;
– preparazione e cottura;
– conservazione a freddo e a caldo;
– riscaldamento e raffreddamento.
3. igiene ambientale:
– monitoraggio e lotta agli infestanti;
– smaltimento rifiuti;
– sanificazione.

MODULO 3. Igiene delle strutture e delle attrezzature:
1. procedure di autocontrollo:
– analisi specifica delle problematiche delle varie aziende alimentari;
– analisi delle strutture edilizie e delle attrezzature.

MODULO 4. Buone prassi di lavorazione:
1. procedura di verifica delle specifiche mansioni.

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento (esame finale).

Docenza
Non richiesto in quanto erogabile interamente in FAD.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di Qualifica Professionale rilasciato da ente accreditato Regione Sicilia CSM e riconosciuto a livello nazionale attraverso la L. 189/2012 “Definizione dei criteri uniformi per la formazione del personale adibito alla produzione, alla somministrazione e alla commercializzazione degli alimenti”.

Sede
FAD

Internal Auditor OHSAS 18001

Titolo
Internal Auditor OHSAS 18001

Requisiti di ammissione
Diploma di scuola media inferiore.

Obiettivi e Finalità
Il corso si propone di:
– Acquisire le conoscenze e competenze necessarie per pianificare e condurre audit di prima e seconda parte sui sistemi di gestione per la qualità, in conformità alla norma OHSAS 18001
– Identificare eventuali non conformità o criticità del sistema e proporre adeguate azioni correttive
– Individuare e proporre opportunità di miglioramento

Normativa di riferimento
– Legge 283/62;
– D.P.R. 327/80;
– Reg. 178/2002;
– Reg. n.852-853-854-882/2004;
– Pacchetto Igiene.
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 24 ore in modalità FAD

Programma del corso
MODULO 1
– Introduzione ai Sistemi di Gestione della Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro
– Criteri e strumenti per l’individuazione dei rischi
– Documento della Valutazione dei Rischi
– La classificazione dei rischi in relazione alla normativa e le varie tipologie di rischio

MODULO 2
– La Documentazione del Sistema Dal D.Lgs. n. 81/2008 e s. m. e i. al Sistema di Gestione documentato
– Manuale e procedure Modelli di registrazione

MODULO 3
– La norma OHSAS 18001:2007
– La struttura della norma OHSAS 18001:2007 Requisiti generali e Politica della sicurezza Pianificazione, Obiettivi e programmi di miglioramento
– La struttura organizzativa (compiti, ruoli, responsabilità) La sensibilizzazione del personale alla sicurezza Controlli operativi e risposta alle emergenze
– Misurazione e sorveglianza delle prestazioni Investigazione sugli eventi della sicurezza
– Riesame del Sistema

MODULO 4
– Competenze, conoscenze e capacità richieste ad un auditor
– Introduzione agli audit Preparazione dell’audit Effettuare la verifica Condurre una verifica
– Non conformità e azioni correttive

MODULO 5
– Esame
– Domande teoriche
– Controllo di un manuale sulla sicurezza Rapporto di audit
– Casi studio

Valutazione
La valutazione finale verrà effettuata mediante test finale con risposte multiple ed esercitazioni pratiche, finalizzato a verificare le competenze cognitive e tecnico-professionali. Sono previste
esercitazioni intermedie durante il percorso formativo.

Docenza
N.1 Docente
Dott. Ficetola Vincenzo – Esperto Sistemi di Gestione e Auditor qualificato

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico (cartaceo e/o informatico)

Attestato Rilasciato
Verrà rilasciata un’attestazione in forma cartacea e digitale

Sede
FAD

Preposto

Titolo
Corso di formazione per “Preposto”

Destinatari
Il corso è rivolto alla figura del Preposto che nell’ambito dell’organizzazione aziendale ha il compito di sovrintendere all’ attività lavorativa e di garantire l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa (capisquadra, capireparto, capiturno, capocantiere, capisala, capiufficio, capiarea).

Requisiti di ammissione
Nomina a Preposto/Dirigente da parte del Datore di Lavoro (ci si basa sul principio di effettività, cioè ove manchi la nomina ma si riscontri l’effettiva applicazione di tale incarico il Preposto viene identificato dall’organo ispettivo).

Obiettivi e Finalità
Fornire gli elementi formativi al personale che ricopre il ruolo di preposto in riferimento alla tipologia di rischio indicato e in conformità a quanto previsto all’art.37, comma 7, D.lgs. n. 81/08 e al punto 5 dell’accordo Stato-Regioni n.221 del 21/12/2011. La figura del preposto è di notevole importanza per la sicurezza e la salute sul lavoro poiché è la più vicina ai lavoratori e ne conosce tutte le criticità nell’attività lavorativa, inoltre vigila e controlla il rispetto delle norme da parte del lavoratore nell’attività quotidiana.

Normativa di riferimento
– D. Lgs. 81/08 e s. s. m. e i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– Accordo Stato – Regioni n.153 del 25 luglio 2012;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016
Durata e modalità
La durata minima del corso per preposti è di 8 ore.
Il corso viene svolto per il 50% delle ore in e-learning e il 50% in Aula. Il programma del corso formativo per il preposto svolto in modalità e-learning secondo quanto previsto dall’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011, comprende gli argomenti da 1 a 5 del punto 5 del suddetto Accordo:
– Principali soggetti del sistema di prevenzione aziendale: compiti, obblighi, responsabilità;
– Relazioni tra vari soggetti interni ed esterni del sistema di prevenzione;
– Definizione ed individuazione dei fattori di rischio;
– Incidenti ed infortuni mancati;
– Tecniche di comunicazione e sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare neoassunti, somministrati e stranieri.
Il percorso formativo dovrà essere completato e integrato con la frequenza di corsi frontali relativi agli argomenti 6, 7, 8 del punto 5 dell’Accordo Stato Regioni del 21 Dicembre 2011.
N.B. La formazione per il preposto non sostituisce ma integra quella prevista per i lavoratori così come previsto al punto 5 dell’Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011.

Programma del corso
– Accordo stato – regioni
– Dirigenti e Preposti
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale 2
– I modelli di organizzazione e gestione
– Responsabilità civile penale e tutela assicurativa
– Contenuti del DVR
– Valutazione dei rischi
– La valutazione del rischio come conoscenza del sistema di organizzazione aziendale
– DUVRI
– DPI
– Prevenzione rischi infortuni
– I contenuti minimi di PSC POS e PSS
– Infortuni in occasione di lavoro
– Partecipazione dei lavoratori
– Sistema qualificazione imprese
– Tecniche di comunicazione in tema di sicurezza lavoro
– Ruolo dell’informazione e della formazione

Valutazione
Al termine del percorso formativo, verrà effettuata una prova di verifica obbligatoria tramite colloquio o test a risposta multipla, in alternativa tra loro. Tale prova è finalizzata a verificare le conoscenze relative alla normativa vigente e le competenze tecnico-professionali acquisite in base ai contenuti dei percorso formativo.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di Frequenza per “Preposto” di 8 ore.

Sede
Per la parte in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità. (punto 12.8 ASR
07/07/2016).

SPP-Datore di lavoro rischio basso

Titolo
Corso di formazione per RSPP/Datore di lavoro rischio basso

Destinatari
Il corso rappresenta il percorso di formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio medio così come individuato all’allegato 2° dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21-12-2011

Requisiti di ammissione
Datori di lavoro.

Obiettivi e Finalità
L’obiettivo della formazione per Datori di Lavoro che intendono svolgere il ruolo di RSPP, in rispetto dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2001 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ) e D.lgs. 81/08 è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per affrontare e risolvere le problematiche connesse all’attuazione e alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro. Sviluppare capacità analitiche (formazione per l’individuazione dei rischi), progettuali (formazione per la riduzione o l’eliminazione dei rischi), decisionali (scelta di interventi preventivi adeguati).

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 32 ore erogabile in modalità blended (16 ore in e-learning + 16 ore in aula).

Programma del corso
Modulo 1 – MODULO GIURIDICO NORMATIVO

– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La «responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica» ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale (D.lgs 81/08, compiti, obblighi, responsabilità
– I sistemi di qualificazione delle imprese
– Il sistema istituzionale della prevenzione

Modulo 2 – MODULO GESTIONALE – Gestione e organizzazione della sicurezza

– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi;
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi;
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori;
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie);
– I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza;
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza;
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa;
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze.

Modulo 3 – MODULO TECNICO: Individuazione e valutazione dei rischi

– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione:
– Movimentazione carichi -Microclima
– Rumore
– Macchine
– Chimico
– Biologico
– Il rischio da stress lavoro-correlato;
– I rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi;
– I dispositivi di protezione individuale;
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4 – MODULO RELAZIONALE: formazione e consultazione dei lavoratori

– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
– Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Valutazione
La valutazione verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento in aula (esame finale).

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “RSPP/Datore di lavoro rischio medio” di 16 ore.

Sede
Per lo svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

RSPP-Datore di lavoro rischio medio

Titolo
Corso di formazione per RSPP/Datore di lavoro rischio medio

Destinatari
Il corso rappresenta il percorso di formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio medio così come individuato all’allegato 2° dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21-12-2011

Requisiti di ammissione
Datori di lavoro.

Obiettivi e Finalità
L’obiettivo della formazione per Datori di Lavoro che intendono svolgere il ruolo di RSPP, in rispetto dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2001 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ) e D.lgs. 81/08 è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per affrontare e risolvere le problematiche connesse all’attuazione e alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro. Sviluppare capacità analitiche (formazione per l’individuazione dei rischi), progettuali (formazione per la riduzione o l’eliminazione dei rischi), decisionali (scelta di interventi preventivi adeguati).

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 32 ore erogabile in modalità blended (16 ore in e-learning + 16 ore in aula)

Programma del corso
Modulo 1 – MODULO GIURIDICO NORMATIVO

– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La «responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica» ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale (D.lgs 81/08, compiti, obblighi, responsabilità
– I sistemi di qualificazione delle imprese
– Il sistema istituzionale della prevenzione

Modulo 2 – MODULO GESTIONALE – Gestione e organizzazione della sicurezza

– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi;
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi;
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori;
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie);
– I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza;
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza;
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa;
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze.

Modulo 3 – MODULO TECNICO: Individuazione e valutazione dei rischi

– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione:
– Movimentazione carichi -Microclima
– Rumore
– Macchine
– Chimico
– Biologico
– Il rischio da stress lavoro-correlato;
– I rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi;
– I dispositivi di protezione individuale;
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4 – MODULO RELAZIONALE: formazione e consultazione dei lavoratori

– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
– Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Valutazione
La valutazione verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento in aula (esame finale).

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “RSPP/Datore di lavoro rischio medio” di 32 ore.

Sede
Per lo svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

RSPP-Datore di lavoro rischio alto

Titolo
Corso di formazione per RSPP/Datore di lavoro rischio medio

Destinatari
Il corso rappresenta il percorso di formazione per il Datore di Lavoro che intende svolgere i compiti propri del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) nella propria azienda, ai sensi dell’art 34 del D.lgs.81/08 e disciplinato nei contenuti dall’Accordo Stato Regioni del 21/12/2011 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ). Esso si rivolge a tutti i datori di lavoro di aziende classificate a rischio medio così come individuato all’allegato 2° dell’ Accordo Stato Regioni 223 del 21-12-2011

Requisiti di ammissione
Datori di lavoro.

Obiettivi e Finalità
L’obiettivo della formazione per Datori di Lavoro che intendono svolgere il ruolo di RSPP, in rispetto dell’Accordo Stato Regioni del 21/12/2001 (Rep. Atti n. 223/CSR) (G.U. n. 8 del 11-1-2012 ) e
D.lgs. 81/08 è fornire conoscenze e metodi ritenuti indispensabili per affrontare e risolvere le problematiche connesse all’attuazione e alla gestione della sicurezza e salute sul lavoro. Sviluppare capacità analitiche (formazione per l’individuazione dei rischi), progettuali (formazione per la riduzione o l’eliminazione dei rischi), decisionali (scelta di interventi preventivi adeguati).

Normativa di riferimento
– D.lgs. 81/08 e s.m.i.;
– Accordo Stato – Regioni n.221 del 21 dicembre 2011;
– D.M. 16.01.1997;
– D.lgs. 195/03;
– Accordo Stato – Regioni n.128 del 07 luglio 2016
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 32 ore erogabile in modalità blended (16 ore in e-learning + 16 ore in aula).

Programma del corso
Modulo 1 – MODULO GIURIDICO NORMATIVO

– Il sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori
– La responsabilità civile e penale e la tutela assicurativa
– La «responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni, anche prive di responsabilità giuridica» ex D.Lgs. n. 231/2001, e s.m.i.
– I soggetti del sistema di prevenzione aziendale (D.lgs 81/08, compiti, obblighi, responsabilità
– I sistemi di qualificazione delle imprese
– Il sistema istituzionale della prevenzione

Modulo 2 – MODULO GESTIONALE – Gestione e organizzazione della sicurezza

– I criteri e gli strumenti per l’individuazione e la valutazione dei rischi;
– La considerazione degli infortuni mancati e delle modalità di accadimento degli stessi;
– La considerazione delle risultanze delle attività di partecipazione dei lavoratori;
– Il documento di valutazione dei rischi (contenuti, specificità e metodologie);
– I modelli di organizzazione e gestione della sicurezza;
– Gli obblighi connessi ai contratti di appalto o d’opera o di somministrazione;
– Il documento unico di valutazione dei rischi da interferenza;
– La gestione della documentazione tecnico amministrativa;
– L’organizzazione della prevenzione incendi, del primo soccorso e della gestione delle emergenze.

Modulo 3 – MODULO TECNICO: Individuazione e valutazione dei rischi

– I principali fattori di rischio e le relative misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione:
– Movimentazione carichi -Microclima
– Rumore
– Macchine
– Chimico
– Biologico
– Il rischio da stress lavoro-correlato;
– I rischi ricollegabili al genere, all’età e alla provenienza da altri paesi;
– I dispositivi di protezione individuale;
– La sorveglianza sanitaria.

Modulo 4 – MODULO RELAZIONALE: formazione e consultazione dei lavoratori

– L’informazione, la formazione e l’addestramento;
– Le tecniche di comunicazione;
– Il sistema delle relazioni aziendali e della comunicazione in azienda;
– La consultazione e la partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;
– Natura, funzioni e modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

Valutazione
La valutazione verrà effettuata mediante una verifica di apprendimento in aula (esame finale).

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza “RSPP/Datore di lavoro rischio alto” di 32 ore.

Sede
Per lo svolgimento in aula il corso sarà erogato, secondo un calendario prestabilito, in una delle sedi più vicine dislocate sul territorio nazionale. È possibile ammettere un numero massimo di partecipanti ad ogni corso pari a 35 unità.

Web Master

Titolo
Web master

Destinatari
Il corso si rivolge a chi desidera acquisire le conoscenze necessarie per la costruzione di siti Web. È fondamentale per chi vuole imparare a sviluppare siti web o per chi vuole avvicinarsi all’ utilizzo degli strumenti atti a concretizzare un applicativo online. Il corso si rivolge sia ai tecnici programmatori che svilupperanno online sia ai progettisti che verificheranno le proprie linee guida.

Requisiti di ammissione
E’ richiesta una padronanza dell’utilizzo del computer ed esperienza di navigazione su Internet.

Obiettivi e Finalità
Il corso è rivolto a chi ha come obiettivo lo sviluppo siti web professionali e la gestione di tutte le problematiche che si possono incontrare. Grazie ad una buona conoscenza dell’html attraverso gli strumenti di editor più utilizzati nel settore, la figura professionale sarà in grado di realizzare siti web aziendali, personali o di presentazione, tenendo conto della loro usabilità.

Normativa di riferimento
Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l’accessibilità agli strumenti informatici.
Durata e modalità
Il corso ha una durata di 250 ore. Sono previsti test di verifica dell’apprendimento delle nozioni acquisite.

Programma del corso
MODULO 1: Che cos’è Internet (8 ore)

– Un po’ di storia
– Tipologie di reti
– La pila ISO/OSI
– Protocollo TCP/IP

MODULO 2: Che cos’è il World Wide Web (8 ore)

– World Wide Web
– Protocollo http
– Principali Linguaggi del Web
– Principali CMS

MODULO 3: Strumenti di lavoro (8 ore)

– Client di sviluppo
– Domini e Hosting
– Client FTP

MODULO 4: Creazione Siti web HTML e CSS (48 ore)

– Linguaggio HTML
– Impaginare con l’HTML: Testi, Tabelle, Liste, Immagini e Link, iframe, Form
– Esercizi
– Linguaggio CSS
– Linguaggio CSS: Tipi di lunghezze
– Linguaggio CSS: Per Iniziare
– Linguaggio CSS: Font
– Linguaggio CSS: Posizionamento

MODULO 5: Linguaggio java script (24 ore)

– Linguaggio java script
– Linguaggio java script: Istruzioni
– Linguaggio java script: Finestre di dialogo
– Linguaggio java script: Funzioni
– Linguaggio java script: Oggetti
– Linguaggio java script: Eventi
– Linguaggio java script: Form
– Esercizio

MODULO 6: Progettare Base di Dati (16 ore)

– Ciclo di vita
– Progettazione Data Base
– Modello E-R
– Modello Logico
– Esercizio

MODULO 7: Linguaggio SQL con MySQL (16 ore)

– Concetti generali
– Introduzione Data Base Relazionali
– Vincoli d’integrità
– SQL
– SQL:Tabelle
– Interrogazioni SQL
– SQL: Manipolazione dati
– Interrogazioni SQL
– Manipolazione Dati SQL

MODULO 8: Linguaggio di programmazione Server-side PHP (90 ore)

– Introduzione a PHP
– Cos’è PHP
– Web Server
– Dichiarazione variabili
– Operatori in PHP
– Funzioni sulle stringhe
– Array
– Controllo del flusso
– Cookie e Sessioni in PHP
– Cookie
– Session
– PHP e MySQL
– Creare DataBase
– Connessione DataBase
– Stampare dati DataBase
– Inserimento/Modifica/Cancellazione
– Autenticazione
– Chiavi Esterne
– Esercitazione

MODULO 9- SEO (24 ore)

– Come ragionano i motori di ricerca
– Nozioni SEO
– Ottimizzazione On-site
– Ottimizzazione Off-site
– URL Rewriting
– Espressioni Regolari

MODULO 10: Photoshop (8 ore)

– Introduzione
– Immagini/File
– Gestione Colori
– Trasformazione Immagine
– Disegnare
– Filtri
– Tipografia

Valutazione
La verifica dell’apprendimento è svolta mediante test, somministrabili anche in itinere, per un totale minimo di 30 domande, ciascuna con almeno 3 risposte alternative.

Docenza
Docenti in possesso dei requisiti previsti dal decreto interministeriale 6 marzo 2013, emanato in attuazione dell’articolo 6, comma 8, lettera m bis), del d.lgs. n. 81/2008, entrato in vigore il 18 marzo 2014.

Materiale didattico
L’esecuzione del corso è supportata da idoneo materiale didattico gratuito.

Attestato Rilasciato
Attestato di frequenza del corso di “WebMaster”.